Il mio Tiramisù

DA PROVARE!

Bundt cake panna e amaretti con glassa alla cannella

Questo ciambellone (o bundt cake, come lo chiamano gli americani) è stata una rivelazione e una scoperta nata da un momento svuotafrigo che aveva...

Latticini in scadenza, come usarli

Quante volte vi capita di trovare in frigo dei latticini (yogurt, latte, ricotta, robiola o altro ancora) in scadenza? Ecco qualche consiglio...

Red Velvet Cupcake

Buona domenica a tutti! Ho deciso di popolare la sezione "cupcake" dato che sono i miei dolcetti preferiti e per la quale nutro una...

Wool roll bread – Pan Brioche Gomitolo di Lana

Ricette di pan brioche ne ho provate tante, con grammature e tempi di lievitazione diverse, farine più o meno forti e quantità di burro...

Saluto la primavera nel giorno del Tiramisù Day. Che allineamento astrale perfetto.
Il tiramisù è il mio dolce preferito: connubio celestiale di dolce e amaro, soffice e setoso e con quella punta di salato che aiuta a stimolare la voglia di mangiarne ancora.

Si potrebbe scrivere un’enciclopedia a partire dalla sua storia, fino alle mille sfumature tecniche per rendere la ricetta al massimo della sua espressione (pensate solamente a: tipo di mascarpone, livello di inzuppo del biscotto, tipologia di savoiardo, livello di montaggio dello zucchero con le uova, proporzioni tra crema e biscotto, uova pastorizzato o non.. insomma ce n’è da sbizzarrirsi).

Io mi soffermo in particolar modo sull’ingrediente principale in termini di quantità: il mascarpone. E’ infatti il tipo di mascarpone che fa la differenza nella resa della crema.

Elenco brevemente le possibili criticità legate a questo ingrediente:
mascarpone molto compatto: consiglio di spatolarlo per romperlo un po’ sennò farà un sacco di grumi. In aggiunta, consiglio di aggiungere 1/3 del peso degli albumi montati se si preferisce avere una resa della crema più leggera e soffice. Questo nel caso in cui si acquisti il mascarpone in un caseificio artigianale;
mascarpone mediamente compatto: soluzione migliore per evitare di montare poi eccessivamente il composto e farlo diventare troppo burroso/pannoso al palato. Io ho trovato il mio equilibrio con il mascarpone Granarolo proprio per la sua compattezza ma facilità nella lavorazione e montaggio;
mascarpone morbido: rende la crema leggermente liquida quindi necessita di montatura con il rischio percorribile di far impazzire la crema oppure avere una consistenza molto soda ma burrosa che rende la crema un po’ stucchevole.

Veniamo al MIO tiramisù: dopo una lista interminabile di prove tecniche, direi che sono arrivata a questa ricetta con dovizia di grammature e tempi di montaggio ideali per ottenere il risultato ottimale per il mio palato (e anche quello di tutti gli amici che l’hanno testato).
Io uso le uova fresche (meglio se del contadino) ma lavandole in ammoniaca per evitare il rischio di salmonella. In alternativa si possono pastorizzare le uova montandole in planetaria e versandoci a filo uno sciroppo di zucchero cotto a 121° (come per fare la meringa italiana).

Poi potremmo aprire una parentesi anche sul savoiardo ma, magari, approfondiamo in un secondo momento e passiamo intanto alla ricetta.

INGREDIENTI

  • peso di 3 tuorli (circa 75 g)
  • 2 volte il peso dei tuorli (quindi 150 g)
  • un pizzico di sale
  • 500 g di mascarpone (consiglio il Granarolo)
  • 250 g Savoiardi sardi artigianali (oppure potete farli in casa con questa ricetta)
  • 200 ml caffè solubile o di moka o espresso
  • 30 ml di brandy o marsala (facoltativo)
  • cacao amaro q.b. ma non troppo

PROCEDIMENTO

  1. Montare i tuorli con lo zucchero ed un pizzico di sale fino a creare un composto spumoso. Ci vorranno circa 6-7 minuti.
  2. A parte mescolare il mascarpone o montarlo leggermente; in questo nuovo si ridurranno i grumi e si otterrà una crema più liscia.
  3. Aggiungere i tuorli montati al mascarpone mescolando con una marisa. Se il composto risulta essere troppo liquido, montare con le fruste per 5-6 minuti.
  4. Se usate il mascarpone Granarolo, potete inserire il mascarpone direttamente nei tuorli montati con lo zucchero e continuare qualche minuto con lo sbattitore per togliere i grumi.
  5. Inzuppare i savoiardi nel caffè girandoli velocemente e disporli in una teglia e coprire con la crema. Creare poi un altro strato e terminare cospargendo il dolce con una leggera spolverata di cacao amaro.

Bene. Ho condiviso una delle ricette che amo di più, che preparo di più e anche regalo di più.
Penso sia un assoluto universale l’amore per il tiramisù. Non è solo perchè sono trevigiana ma perchè ha sempre costellato la mia infanzia e le mie dita coperte di crema per pulire la ciotola, dopo che mia madrea finiva di preparare il tiramisù, sono un ricordo indelebile.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

ULTIME RICETTE

Torta all’uva nera e sambuco

Eccoci arrivati al tempo dell'estate che ci apre alle porte dell'autunno: la vendemmia. Ricordo la vendemmia come un rito di ritrovo famigliare emozionante: i "grandi"...

Pane al burro d’aglio – Garlic bread

Povero aglio, questo bulbo dell'estate, bistrattato da tutti per il suo infausto profumo causato da un piccolo e non-innoquo enzima: la alliinase, che trasforma...

Crema di yogurt alla vaniglia, pesche al forno e amaretti

Siamo a settembre ma siamo ancora in estate. Questa è una certezza su cui non si può discutere. Allora è giunta l'ora di utilizzare ancora...

Crostone di pane, fichi, caprino e miele

Settembre mi fa sempre pensare a due cose: la vendemmia e i fichi che raccoglievo dall'alberto del vicino di casa mentre i miei genitori...

Involtini di pasta fillo, zucchine e mozzarella

Devo pur far mangiare le verdure alle mie due bestie. Considerando la capacità che hanno di scartare la verdura come un calciatore, devo dire...
- Advertisement -

More Recipes Like This